martedì 6 marzo 2012

revival anni '80 e la pizza è...con prosciutto e uova

Da queste parti, i sabato sera della nostra infanzia e adolescenza erano caratterizzati dal consumo della pizza. Si andava in pizzeria o per sedersi o per portare la pizza a casa: il vero e proprio take away con i cartoni che conosciamo oggi, non esisteva. Si utilizzavano, mi ricordo, dei cartoni senza coperchio e delle stecche di legno che, sospese sui bordi, distanziavano le pizze l'una dall'altra. Tutto l'insieme veniva avvolto in una 'scioccante' carta rosa. Le pizze, che andavano in voga tra noi golosi in erba erano: la  007 (pomodoro, mozzarella, piselli, prosciutto, uova e l'esotico würstel o brustel, viustel...e altre maniere di storpiare questa parola, se ve ne ricordate una diversa, fatemelo sapere), la classica margherita per le ragazzine un po' difficili, diciamo schizzinosette, la capricciosa che prevedeva, oltre al pomodoro e alla mozzarella, il prosciutto cotto, le uova e le olive nere. Queste ultime però, venivano spesso non inserite, i palati erano troppo delicati per affrontare quelle ignobili e salatissime sfere raggrinzite...
A distanza di anni, un mio amico, alla domanda "qual'è la tua pizza preferita?", mi rispose in maniera netta e inequivocabile, "la margherita con prosciutto e uova alias capricciosa senza olive". Io ho storto un po' il naso, però ho raccolto il suggerimento e nelle serate 'pizza a casa mia' ho sfornato la pizza così farcita: è stata divorata, finita in un batter d'occhio. I commenti: "ah, mi ricordo, quand'ero piccolo anche mia zia la farciva così" "in pizzeria era la mia preferita" "come si sposano bene l'uovo e il prosciutto sulla pizza, mi ricorda qualcosa..." Considerato che coloro che mangiavano e commentavano sono quelli che in pizzeria prediligono la pizza semplice, magari con le verdure o con farciture più innovative, dalla rucola e stracchino, al prosciutto crudo, bufala e ciliegino...è stato dimostrato come i ricordi d'infanzia, adolescenza resistono più tenaci che mai!!!
Al di là delle mie perplessità, devo ammettere che il connubio funziona, forse anch'io vittima della nostalgia?
Come avrete già avuto modo di constatare qui l'impasto che utilizzo per la pizza (sia alta o bassa) è molto idratato. Per meglio spiegare quanto sia idratato ho misurato l'acqua così non dovrete interpretare le mie spiegazioni poco precise, tipiche di chi fa le cose ad occhio.
Qual era la vostra pizza preferita quando eravate più giovani?

Pizza prosciutto cotto e uova (per 1 leccarda più una teglia tonda da 30cm)

350 g farina 0
175 g lievito madre
0,250 litro d'acqua tiepida
olio extra vergine
sale

150g di prosciutto cotto
300g di mozzarella
0,350 l salsa di pomodoro e basilico
3 uova sode

In una grande ciotola sciogliete il lievito madre con parte dell'acqua prevista. Aggiungete il sale, la farina e l'acqua restante. Impastate tutto e, dopo qualche minuto, aggiungete 2 cucchiai di olio extra vergine. Lavorate ancora un po' l'impasto che risulterà molto, molto morbido.
Mettete a riposare coperto per 2 ore e mezza nel forno spento ma con la luce accesa o, in mancanza, inserite un pentolino di acqua bollente.
Ungete la leccarda e l'altra teglia. Rovesciate l'impasto che risulterà quasi liquido. Aiutatevi con le mani unte per distribuirlo bene nella teglia. Mettete prima la mozzarella a pezzi, cercando di girare un po' di pasta sopra. Distribuite la salsa di pomodoro e i pezzi di uova sode, un po' di origano e un giro d'olio e infornate a 260°C nella parte bassa del forno.
Appena prende un bel colore e verificate la cottura della base, aggiungete il prosciutto. Altri 5 min e la pizza è pronta!!
















26 commenti:

  1. E' la pizza preferita di mio marito. Bellissima la tua versione, buona serata!

    RispondiElimina
  2. Questa pizza deve essere deliziosa, la voglio provare subito!

    RispondiElimina
  3. Mai provata questa pizza..ma me gusta!!Da oggi ti seguo anche io..se ti va passa da me!!!ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Babi un caro saluto a te e al tuo goloso maritino
      @lea e @emi provatela e fatemi sapere!!
      un abbraccio

      Elimina
  4. Io per anni ho consumato sempre e solo Capricciosa! ma sai che come la tua non l'ho mai mangiata? :) Mi hai fatto venir voglia di provarla! ciao

    RispondiElimina
  5. una capricciosa insolita...ma da provare!!
    Grazie per l'idea!
    mi sono unita ai tuoi lettori....a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Emnuela e @Enza qual è la vostra versione? Questo scambio di capricciose mi piace parecchio!!!!
      e.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Carissima Chiara, grazie!! Spero presto di poter dare anch'io il premio!!
      un abbraccio
      elisa

      Elimina
  7. Ricordi negli anni 70/80 la pizza alla Bismark non so se la fanno ancora, però l'uovo lo rompevano crudo sopra la pizza e cucinavano insieme, in realtà devo dire che la tua versione sia decisamente più attraente...mi piace più la tua ciao...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Franco, ora anch'io mi ricordo...terribile!!!
      Comunque provala e fammi sapere!
      e.

      Elimina
  8. Amo la pizza, poi se preparata con lievito madre è da preferire, diventa più digeribile. Sono un po' pigra per prepararla, forse i lunghi tempi di lievitazione mi bloccano un po'. Devo provare a farla, ho pure il panetto di pasta madre che ogni tanto rinfresco con un po' di acqua, farina bio, rinchiudo in carta pellicola cosparsa di olio e ripongo in frigo. La tua pizza si mangia con "gli occhi". Compilmenti sempre e a presto leggerti.
    Un saluto affettuoso
    Ilde
    7 marzo 2012

    RispondiElimina
  9. mi :) complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere passa nel mio blog anche se sono alle prima armi se ti va ciao :)
    piace la tua pizza proscutto cotto e uova

    RispondiElimina
  10. Buonissima già solo a guardarla!
    Dedica per te sul mio blog...
    Un abbraccio
    Cinzia

    RispondiElimina
  11. che bella pizza da oggi ti seguo se ti va passa da me ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ilde il bello della pizza che a impastarla ci si sta 5 minuti e poi il tempo della lievitazione, si può impiegare per fare altro. ed è vero, con il l.m. è più digeribile!
      Prima poi posto la ricetta della tua focaccia!!!
      Un caro abbraccio
      @Ary\enza Mi è piaciuta questa accoppiata mamma - figlia per un blog di cucina, versione anni duemila di una certa maniera di tramandare le tradizioni!!
      un caro saluto
      @Elena piacere di conoscere te e il tuo blog! Un caro saluto!

      Elimina
  12. ah ah ah mi è piaciuto questo revival dei miei anni giovanili :D
    buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni giovani? Ehi! Perchè, oggi che anni sono? Allora eravamo ancora bambini....!!!
      e.

      Elimina
  13. Adoro la pizza, ho un debole per quelle casalinghe. La tua è fantastica!! Ciao, sono Maria, piacere di conoscerti!!!

    RispondiElimina
  14. ma è favolosa!!! *_* ti seguo con piacere!

    RispondiElimina
  15. Confesso io ero una di quelle schizzinosette...che ad un certo punto per dare un tono al carattere oltre che alla pizza ha cominciato a richiedere una margherita con wustel...ma siccome la mia adolescenza vera e più sfrenata è questa oggi quando posso ordino la pizza con melanzane e parmigiano o la capricciosa se capito a S.Lorenzo ;-) a presto!

    RispondiElimina
  16. si anche io mi ricordo un periodo in cui andava molto da noi fatea cosi.dai che flash.ottima!

    RispondiElimina
  17. Che piacere conoscerti! E conoscere il tuo blog, che così ben si confà al mio e ai miei gusti (: ti seguo anche io!! W il limone!!

    RispondiElimina
  18. Dalle foto sembra una golosità da provare assolutamemte, mi piace ricercare gusti vintage nei piatti che amo come ad esempio la pizza: bell'idea!
    Tiziana :)

    RispondiElimina
  19. Buonissima, bellissimo blog, prenderò tutti i tuoi suggerimenti per le mie cenette,ti seguo seguimi anche tu, ti aspetto nel mio blog
    http://angelicadjunafashiontales.blogspot.com/

    RispondiElimina
  20. un po ri revival fa bene ed è goloso

    RispondiElimina

Linkwithin

Si è verificato un errore nel gadget