martedì 17 ottobre 2017

la luce magica di ottobre e....uova in cocotte con spinaci e biscottini alla senape






















Ho scelto questa ricetta per la foto. É la luce che mi ha colpito mentre sceglievo dall'archivio. É la luce delle due del pomeriggio, per me ora di pranzo, in ottobre, nella mia cucina, della mia ex casa, in campagna.
La dolcezza di una luce ambrata che avvolgeva qualsiasi cosa,  calda come il colore delle foglie della vite che, ormai gialle, lentamente viravano al rossiccio.

L'autunno è in assoluto la stagione che amo di più e, chi mi segue sul blog, sa che ho sempre scritto della mia passione per questo momento dell'anno.
Avendo vissuto in campagna negli ultimi 10 anni, ho potuto osservare meglio e apprezzare ancora di più questo magico cambiamento della natura.

Forse posso risultare ripetitiva, ma adesso che vivo in città, ancora di più sento il bisogno di scriverne.
Sarà per nostalgia, sarà che, in particolare ottobre ha la luce già diversa rispetto a quella di settembre che ancora scintillante richiama l'estate, seppur più clemente.
La luce di ottobre è pacata, dolce come una madre comprensiva e accogliente. Sa di coccole e abbracci, anticipa le maglie morbide di lana e l'odore della legna che arde nel camino, le tazze di tè e il profumo di torte semplici e biscotti.

Sarà che è il mese della raccolta delle olive, l'ultima raccolta dell'anno dopo quella delle carrube e delle mandorle. Se chiudo gli occhi sento ancora le canne che battono contro gli ulivi, un insieme di colpi, alcuni più lenti, altri più secchi. Ricordano le trasmissioni in alfabeto morse delle radio sulle navi, chissà cosa, inconsapevolmente, comunicano quelle canne che battono contro gli ulivi!
Dopo 24 ore avveniva la magia: si gustava il primo olio, dal profumo intenso, dal gusto amaro e erbaceo, dal gradito pizzicore alla gola.

Sarà che ottobre, tra la luce, l'olio, i suoi colori si presta alla malinconia, ai ricordi che non si riesce a lasciare andare.

Adesso però, bando alle malinconie, passiamo ala ricetta che può risolvere facilmente un pasto soprattutto se sono avanzati degli spinaci, è sana, vegetariana e sfiziosa grazie ai biscottini salati alla senape che sono anche vegani perchè non uso nè uova nè burro, ottimi per altre occasioni, per l' aperitivo (state attenti che possono dare dipendenza!). Nel caso non aveste tempo potete accompagnare con del semplice pane tostato, magari al sesamo!


Uova in cocotte con gli spinaci

un uovo per commensale, quindi 4 uova
500 g di spinaci (o altre verdure a foglia, come le biete)
4 pomodori secchi
1 spicchi d'aglio
olio evo
sale
pepe

 Biscottini alla senape

200g di farina00
20g di olio
6g di senape
1 cucchiaio di zucchero di canna
3g di lievito istantaneo
1 cucchiaino di curcuma (per dare giusto il colore altrimenti potete ometterla)
sale
acqua q.b.

Per i biscotti:
mettete in una ciotola la farina setacciata con il levito e la curcuma e formate la fontana.
Emulsionate l'olio con la senape e lo zucchero. Versatelo al centro della fontana assieme a un pizzico di sale, aggiungete dell'acqua se occorre per avere un impasto morbido ma sodo e liscio.
Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare per un'ora.

Per gli spinaci: puliteli e appena lavati, sgrondateli per bene passateli in in tegame con olio, aglio e un pizzico di sale. Appena ammorbiditi, tirateli su. Avranno fatto tanta acqua che dovete eliminare.
Nello stesso tegame ormai asciutto, assieme all'aglio passate i pomodori secchi fatti a pezzetti, quando sprigioneranno il loro odore, aggiungete gli spinaci e date un colpo di fiamma viva, spegnete e lasciate riposare.

Accendete il forno a 170°C.
Sulla spianatoia stendete un bel foglio di carta forno. Prendete l'impasto dal frigo e create dei filoncini. Tagliateli come per degli gnocchetti e riempite una teglia rivestita di carta forno e infornate.
Occorreranno circa 10/15 minuti. Lasciateli raffreddare prima di toccarli.

Finiti i biscotti, potete preparare le uova. Il forno sarà ancora caldo, abbassatelo a 160°C.
In 4 cocotte individuali mettete un'idea di olio d'oliva, gli spinaci, un giro di pepe. Fate una leggera fossetta e rompetevi l'uovo, mettete un pizzico di sale e infornate il tutto.
Sfornate e a secondo del vostro gusto, se tuorlo quasi liquido, morbido o sodo, comunque non più di un quarto d'ora. Servite subito.













martedì 26 settembre 2017

merluzzo e patate al profumo di limone, timo e maggiorana




















Ormai si può accendere il forno e allora vi do una ricetta facile, semplice ma assai gustosa, che può anche risolvervi una cena  e renderla meno noiosa.

Se diciamo merluzzo e patate è sempre abbastanza scontato, ma aggiungendo qualche fettina di limone, un po' delle magiche e insostituibili erbe aromatiche, come maggiorana e timo, un po' di pepe rosa...beh vi assicuro che questa ricetta diventerà per voi una di quelle che faranno parte del vostro ricettario di famiglia.

Potete aggiungere altre verdure lasciando sempre le patate come da ricetta, per creare quella base croccante che dà una marcia in più al sapore complessivo.

Merluzzo al forno con patate, al limone, timo e maggiorana

500g di merluzzo già sfilettato
4 patate medio piccole
1 limone
un rametto di timo
un rametto di maggiorana
olio evo
pepe rosa (o nero)


Accendete il forno a 180°C in modalità ventilato o 200°C se statico.
Lavate e pelate le patate, tagliatele sottili con una mandolina, tuffatele in acqua fredda e lasciatele lì mentre ungete una teglia di 26 cm di diametro, se tonda, o 26x20 se rettangolare.
Prendete un foglio di scottex, adagiatevi i filetti di merluzzo, spennellateli di olio e pepate.
Sciacquate bene le fettine di patate, in una terrina conditele con la maggiorana, il timo e il sale.
Prendete il limone e fate delle fettine sottili.

Nella teglia adagiate le fettine di patate in modo che siano un po' accavallate e fate due strati.
Poi proseguite con qualche fettine di limone, proseguite con il merluzzo e ricoprite ancora con le patate e spennellate d'olio.

Mettete in forno nella parte più bassa.
Quando si formerà una bella crosticina in superficie è il momento di spegnere il forno, lasciare riposare qualche minuto e servire.











mercoledì 20 settembre 2017

Torta settembrina con le "meline" dell'Etna ed è subito profumo d'autunno



La torta che vi propongo oggi è una torta che dà conforto come, secondo me, tutti i dolci che prevedono le mele tra gli ingredienti. 
Sarà quel gusto così familiare, quel buon profumo che si spande per casa, ancora più intenso se si mette la cannella o la scorza d'arancia. E perchè non aggiungere anche delle mandorle tostate?
Di torte di mele ci sono tante versioni sono tutte buone e meravigliosamente gratificanti.

La versione che vi propongo prevede l'uso delle mele intere, perchè piccole, come sono le mele dell'Etna, non molto dolci e non troppo aspre, perfette per una torta.
Però adesso vi confido il segreto del perchè questa torta con le mele intere è così buona shhhh... le mele sono con il "trucco": dopo aver tolto il torsolo le ho riempite con dei mirtilli rossi secchi, dei biscotti integrali e un po' di scorza d'arancia. 

Normalmente è un "trucco" che uso anche quando faccio le normali mele cotte, come qui , che possono trovare così una loro dignitosa collocazione tra i cibi che fanno bene e sono pure buoni. 
Suggerimento per le mamme che possono così camuffare la frutta per bimbi un po' riluttanti.

Adesso correte a prepararla per il brunch delle giornate lente del week-end o per la colazione di tutti i giorni o per la merenda. In qualunque momento la prepariate accompagnatela sempre con un buon tè.

Benvenuto Autunno!


Torta con le mele intere e ripiene

200g di farina00
10g di lievito per dolci
130g di mandorle tostate
3 uova
120g di zucchero
80g di burro
3 cucchiai di yogurt intero
6 mele piccole
6 biscotti secchi
una manciata di mirtilli rossi (cranberrys) secchi o uvetta  
scorza d'arancia
cannella

Tirate fuori il burro dal frigo in modo che si ammorbidisca. Accendete il forno a 170°C. Mettete in ammollo i mirtilli in un po' d'acqua calda, giusto il tempo che si ammorbidiscano.
Lavate le meline e con l'aiuto di un levatorsoli, togliete la parte centrale avendo poi l'accortezza di recuperare la parte del picciolo.

In una ciotola frantumate i biscotti, aggiungete i mirtilli, la cannella, la scorza d'arancia. Con questo composto riempite lo spazio interno delle mele.

In una terrina montate le uova con lo zucchero fino a quando non diventano chiare.
Aggiungete la farina setacciata con il lievito, amalgamate, poi unite le mandorle e lo yogurt, per ultimo il burro. Mischiate per bene.

Prendete una teglia tonda di 24cm di diametro, imburratela generosamente, versate il composto e affondatevi le meline a cui rimetterete la parte superiore del picciolo. Esso andrà avvolto nella carta d'alluminio per evitare che bruci.

Infornate per 40 minuti circa, in dipendenza del forno. 





giovedì 14 settembre 2017

E' arrivato settembre... e composta di pesche tabacchiera all'alloro e rosmarino



Come Natale, Pasqua e il compleanno, arriva Settembre.
Mese di luce dolcemente vivida, di odore di terra che torna umida con le prime violenti piogge.
Mese che fa da ponte tra l'esuberanza estrema, nei colori e nelle temperature, dell'estate e l'atmosfera lieve e sussurrata dell'autunno alle porte.
Mese che, fin dai tempi della scuola, è a tutti gli effetti l'inizio di un nuovo anno. Ma mentre agosto non è la conclusione dell'anno, settembre è un inizio e basta, che non segue nessuna fine, né un bilancio.

Così è sempre stato, almeno per me, ma quest'anno appena trascorso è stato decisamente particolare. Un anno difficile e straziante, di assoluto smarrimento e dove ancora, nonostante i tentativi di affrancamento dal passato e un ostinato sguardo al futuro sembra ci sia sempre qualcosa che arrivi a bloccarmi, a farmi perdere forza e speranza, che mi faccia sentire un po' Sisifo e un po' san Sebastiano.

Dato tutto questo, aggiunto al caldo davvero eccessivo di quest'estate, alla nostalgia del mio giardino e dei miei ospiti, la mia voglia di cucinare è stata nulla.
Sento la mancanza del gesto in sè e della creatività a esso collegato ma non è stata sufficiente a farmi ripartire con la mia solita passione anche perchè mi sembra di essere vittima di un sortilegio: ogni volta che decido di rifugiarmi in cucina, tra  burro, farina e uova, in maniera matematica e puntuale arriva sempre una cattiva notizia o spunta un ennesimo problema.

Tra i contrattempi più leggeri, mi si è sfasciato il frigorifero che ha deciso di ghiacciare tutto quello che custodisce. Ebbene, la sera prima che decidesse di trasformarsi nella Regina dei ghiacci, avevo riposto un chilo di profumatissime pesche tabacchera, le mie preferite, per quel sentore di rosa un po' aspro che spesso portano con sè.
L'indomani mattina le ho trovate ghiacciate, quindi rovinate. Così ho deciso di farne una composta come ho già fatto con le fragole e con le albicocche.
Per dare un gusto insolito ho aggiunto una foglia di alloro e qualche ago di rosmarino.
Ottimo con lo yogurt e/o con pane tostato e un velo di burro oppure se aumentate le dosi potreste farne la farcia per una crostata e la ricetta per una frolla perfetta la trovate qui
Data la quantità di zucchero di circa il 20% va consumata in due/tre giorni massimo.

























Composta di pesche tabacchera, alloro e rosmarino

500g di pesche tabacchera al netto del nocciolo
125g di zucchero a velo (non vanigliato)
un cucchiaino di succo di limone
qualche ago di rosmarino
una foglia di alloro
un po' di scorza di limone

Lavate, sbucciate e togliete il nocciolo alle pesche. Fatele a pezzetti e mettetele in una casseruola con lo zucchero, il succo di limone, il rosmarino, l'alloro, la scorza di limone.
Fate andare a fuoco basso, controllando continuamente (non distraetevi) fino a quando non comincia e bollire, da quel momento dovrebbe addensarsi un po'. Spegnete e lasciate raffreddare.


mercoledì 12 luglio 2017

Muffins ai frutti di bosco e vaniglia e il lavoro più bello del mondo







































"sento ancora il profumo di vaniglia tra le mani, un lampone ha macchiato il grembiule: una macchiolina rossa che ben si sposa con i quadretti blu e bianchi. La casa è pervasa da un delicato profumo di dolce. I muffins ai frutti di bosco sono in forno, serviranno per la colazione di domani o per un benvenuto degli ospiti che arriveranno oggi pomeriggio, chissà da dove!"

Ho appena descritto delle tracce, dei frammenti che appartengono a un passato, a un lavoro che ho svolto con passione e dedizione e che mi manca, come non mai, come non pensavo potesse mancarmi.
I muffins sono stati il simbolo di quel lavoro, fatto di sorrisi, ascolto e soprattutto voglia di far stare bene chi aveva deciso per un breve periodo della sua vita, nei sacri giorni di vacanza, di trascorrere del tempo a casa mia. Le persone che arrivavano non sono mai state per me dei clienti ma ospiti di riguardo e ad essi andava tutta la mia disponibilità, la mia capacità di prendermene cura.

Preparare dei dolci ogni giorno, farne tante versioni, è stato sicuramente la parte più divertente e direi anche poetica del mio lavoro (ad essa andrebbero aggiunti, a dire il vero, i corsi di cucina che sono stati un'altra bellissima esperienza altrettanto emozionante).
I muffins erano i dolci della colazione, serviti assieme a tante altre cose buone. Erano i dolci che preparavo io. In essi mettevo la mia intuizione, la mia immaginazione, la mia creatività, ispirata a volte da un dettaglio o dal paese di provenienza o dall'età dei mei ospiti (per i bambini li facevo sempre al cioccolato). Ad esempio il caso di questi muffins che vi propongo li sperimentai la prima volta quando un giorno  aspettavo l'arrivo di una coppia svedese la cui giovane donna aveva una foto del profilo di Airbnb che la raffigurava mentre raccoglieva dei frutti di bosco. L'ispirazione fu immediata e pensai di farli così.
Non si trattava più di un semplice impasto di farina, latte, uova, un po' di lievito e altro, ma era uno dei tanti modi per comunicare con loro, di entrare in contatto e credo che questo sia avvenuto, come una magia.

Ogni giorno incontravo volti e caratteri diversi, per la maggior parte stranieri con cui non era semplice comunicare, a volte, per via della lingua, ma bastavano gli sguardi, i sorrisi e un rispetto di fondo reciproco e la sintonia era assicurata.
La colazione era il momento in cui ci si conosceva un po' di più, si faceva qualche chiacchera ed era anche bello vedere come, in alcune occasioni, tra gli ospiti stessi, provenienti da Paesi diversi, s'instauravano subito rapporti di complicità e voglia di condividere insieme il tempo.
Ricordo ancora quei volti un po' assonnati che si precipitavano sulla grande caffettiera che troneggiava già sul grande tavolo apparecchiato. Facce giovani, meno giovani e i bambini che erano distratti dalla mia Giò, dal musetto ruffiano, che cercava di entrare in cucina con la scusa di intrattenerli (e mi manca tanto anche lei).

Sono stati anni di un continuo via vai di persone e delle loro storie.  Alcuni sono diventati amici, altri sono tornati o mi hanno mandato i loro amici o parenti, con alcuni ci si scrive ogni tanto e altri hanno tenuto, a mandarmi, dopo nove mesi, la foto dei loro neonati concepiti proprio nella mia casa, in quelle camere silenziose in cui la sera e al mattino all'aurora, entrava l'odore del gelsomino, della zagara, della lavanda.

Come può non mancarmi un lavoro così pieno di emozioni, umanità, in una sola parola, di vita?
E quanto è stato quello che loro mi hanno dato! Chissà se sono riuscita a trasmettere la mia gratitudine quando il giorno della partenza, al momento dei saluti, spesso ci si commuoveva: ricordo a volte certi giganti nordici che si lasciavano andare e mi abbracciavano con le lacrime agli occhi.
Come vorrei che lo sapessero! Ero  talmente sopraffatta da tali emozioni che magari non sono riuscita a farglielo capire.

Quanto mi hanno donato della loro spontaneità, entusiasmo, stupore e soprattutto quella strana alchimia, quel privilegio di vedere la mia terra, i miei luoghi attraverso i loro occhi. E' ciò che mi ha protetto dall'abbrutimento conseguenza necessaria dell'assuefazione al luogo, per quanto sia bello, in cui vivi.

Non posso contattarli tutti, quindi lancio questo post come un messaggio nella bottiglia che spero arrivi a destinazione.
Da quando è partita l'ultima coppia, a ottobre dell'anno scorso, non sono ancora riuscita a preparare dei muffins. Mi manca l'ingrediente principale, i miei ospiti speciali!

In questi giorni d'estate ci sono molti  turisti e sento, da sotto il balcone della casa in cui abito adesso, il loro stupore davanti a un panorama così bello che si dona magnifico ai loro occhi. Non posso fare a meno di pensare ai loro volti come a quelli degli ospiti mancati o come al fatto che solo un anno fa, in questo periodo, sfornavo i muffins ed ero una padrona di casa, felice di accogliere i propri ospiti.

Oggi sono qui, schiacciata dal caldo, con i miei ricordi di un passato che non passa, in una casa di fortuna e con una prospettiva ancora assai incerta e fumosa.



*Questi muffins furono apprezzati e quindi, d'allora, li ho sempre riproposti non solo con i frutti di bosco freschi ma anche con quelli surgelati, l'unica accortezza, in questo caso, è quella d'infarinarli per bene prima di aggiungerli al composto finale.


Muffins ai frutti di bosco e vaniglia

300g di farina 00
250g di frutti di bosco misti freschi o surgelati
150g di zucchero
10g di lievito per dolci
1 uovo grande
250g di yogurt naturale
70g di burro
una bacca di vaniglia o una bustina di vanillina

Accendete il forno a 170°C. In un pentolino fate sciogliere il burro e lasciate raffreddare.
Prendete due ciotole, in una mischiate tutti gli ingredienti secchi: farina setacciata con il lievito e zucchero. Nell'altra mischiate quelli liquidi: uovo, yogurt, burro fuso non più caldo.
Aggiungete nella ciotola degli ingredienti secchi, il contenuto di quella degli ingredienti liquidi e mischiate con un cucchiaio, abbastanza da non vedere più la parte secca.  Aggiungete i semini di vaniglia e raspate bene la parte fonda della ciotola con il cucchiaio per essere sicuri che non vi sia più traccia di parte secca.
A questo punto aggiungete i frutti di bosco che, se sono surgelati. andranno infarinati prima.
Non mischiate troppo, dovete appena tuffarglieli. Adesso siete pronti per riempire i pirottini in ciascuno incavo nella teglia da 12 muffins.
Mettete in forno e lasciate cuocere per circa 25 minuti. Controllate sempre con lo stecchino, perchè i forni non sono tutti uguali.

martedì 4 luglio 2017

Estate, fa caldo e...riso al pomodoro























Come ogni anno comincia puntuale il lamento per il caldo. Per carità, più che giustificato le temperature di questa fine mese sono state sorprendenti. A mia memoria non ricordo un giugno così torrido. Ma del resto viviamo più a sud di Tunisi, siamo una costola staccata dell'Africa e quindi ci sta che al sole si siano raggiunti i 45 gradi.

Non vivendo più in campagna dove, tra la frescura del giardino e l'aria sempre mossa da un più meno leggero venticello, ho avuto difficoltà a mantenere una certa lucidità mentale. Ben presto la casa in cui vivo si è trasformata in una sorta di luogo sempre buio, con due tre postazioni dove boccheggiare a temperature diverse secondo l'ora della giornata e secondo l'esposizione delle stanze.

Tenere chiuse con gli scuri le camere rivolte a sud, scappare già la mattina presto dalla microscopica camera che ospita il mio sonno e che, sprovvista di imposte o quant'altro, già di buon mattino, viene colpita dal pieno sole: il  raggio trapassa le tende e come fosse un raggio laser, lascia un segno sulla mia pelle, la cuoce letteralmente.
Attigua alla camera da letto c'è la cucina che, provvista d'imposte, per qualche ora rimane ancora un luogo praticabile ma in cui, di sicuro, non mi sono azzardata ad accendere un fuoco.  Mi sono nutrita di insalate, frutta e yogurt.

Da qualche giorno le temperature sono timidamente scese e si respira. Nel mentre io mi ero già stufata di mangiare insalate e yogurt e ho pensato di accendere almeno un fuoco e di prepararmi una delle mie ricette preferite (un sapore d'infanzia e come tale consolatorio e appagante), il riso al pomodoro approfittando anche della bontà dei pomodori di questo periodo e delle ultime foglioline di basilico greco rimaste attaccate alle ben due piantine agonizzanti che non sono riuscita a salvare.

La cottura che utilizzo è quella pilaf: unica pentola, quindi un solo fuoco, non occorre versare il brodo in continuazione come con il risotto e quindi non sei costretto a stare davanti ai fornelli. L'unica accortezza che si usi sempre lo stesso tipo di riso ormai collaudato per le proporzioni tra riso e acqua.
La cottura pilaf arriva dalle tradizioni del medio oriente, la utilizzo spesso perchè la trovo pratica e assai gustosa. Si tratta di una cottura ad assorbimento, come quella del risotto,  la base di verdure o altro intingolo da cui si parte penetra per tutto il tempo della cottura nei chicchi di riso per un risultato omogeneo e saporito. In onore della provenienza esotica del tipo di cottura ho aggiunto, in questa versione di riso al pomodoro, una nota speziata aggiungendo della cannella.



Riso al pomodoro (per 2 persone)

un bicchiere colmo di riso arborio
due bicchieri acqua o brodo leggero di verdure, in entrambi casi caldi
400g di pomodoro piccadilly
uno spicchio d'aglio
un piccolo cipollotto
un pezzetto di peperoncino fresco
2 cucchiaini di cannella (facoltativo)
2 cucchiai di Grana Padano
foglioline di basilico in abbondanza
olio evo
sale

In un tegame basso  fate sudare l'aglio, il cipollotto affettato sottile, il peperoncino tritato fine con l'olio e alcune foglie di basilico. Appena le rondelle di cipollotto diventano traslucide aggiungere i pomodori fatti a pezzi e la cannella. Lasciate cuocere per una decina di minuti poco più. Togliete l'aglio.
Misurate il riso usando il bicchiere e aggiungetelo ai pomodori, mischiate bene e coprite il tutto con l'acqua o il brodo. Mettete il coperchio e lasciate cuocere a fiamma dolce, senza muovere il tegame per circa 15 minuti da quando il tutto sobbolle un po'.
Se è la prima volta che lo fate, sbirciate aprendo il coperchio e vedete se il riso non sia troppo asciutto per arrivare a cottura, nel caso aggiungete ancora del liquido.
Una volto cotto, salate, mescolate bene, lasciate riposare qualche minuto e aggiungete il formaggio e tante foglioline di basilico.
Varianti: se si elimina il formaggio diventa vegano. 
                si può utilizzare anche del riso integrale ma quel punto sia la proporzione d'acqua e i tempi di cottura cambieranno, occorrerà aumentare entrambi




martedì 13 giugno 2017

W la pasta! e bucatini con pomodorini secchi, cipollotto ed erbe aromatiche




































Tra le mie debolezze che riguardano la gola vi è sicuramente la pasta. Del resto sono italiana e pure meridionale, con questi presupposti non potevo non sfuggire alla fascinazione di tale "Vivanda consistente in un impasto di farina di semola di grano duro e acqua, tagliato in varie forme e cotto in acqua o brodo". Definizione che dà il dizionario. Chiara e precisa come una voce del dizionario deve essere.

Ma davvero la pasta è solo questo? 
O è tante cose in più? 
E' quella "vivanda" necessaria per tornare felici, rassicurante come una mamma; è quella "vivanda" che caratterizza, con il proprio formato, l'identità di ogni regione e che al contempo ci unisce come Italiani; è quella "vivanda" che ci permette d'improvvisare una cena e così non rinunciare al piacere di stare con gli amici con un invito dell'ultimo momento; è la possibilità di nutrirsi con poco e rimanere soddisfatti. 
Penso che questa lista potrebbe andare all'infinito, ognuno di noi ha un ricordo, una necessità, uno stato d'animo, legato alla pasta.

La pasta è fatta di acqua e farina, assai semplice nella sua composizione e sorprendentemente versatile. Per me è una tela bianca dove tutto può manifestarsi, all'improvviso, come la ricetta che propongo qui di seguito e che è nata per rispondere a un'urgenza dettata da una voglia irrefrenabile e incontenibile di un piatto di pasta.

In occasione della meravigliosa manifestazione che si svolge a Ragusa, "A tutto volume",  mi è arrivata la proposta, che mi onora e che trovo assai gradita, di presentare un libro di cucina. 
Quest'anno si tratta del libro di Eleonora Cozzella - Pasta Revolution - ed. Giunti. 

Il contatto per ore con un libro che parla di pasta, della sua storia, del suo valore nell'ambito del costume italiano, della fierezza dei suoi produttori, dell'interpretazione affascinante e geniale di grandi chef, corredato di fotografie stupende, mi ha reso totalmente debole alla tentazione di mangiare pasta, in continuazione.
Ho pure dimenticato completamente i problemi di linea che affliggono noi "giovani" donne di 43 anni, abbandonandomi così al piacere del palato. 

E sì perché proprio di un un piacere si tratta e mi spingo oltre, e direi quasi "carnale".
Addentare un bucatino cotto al dente o una mezza manica rigata su cui indugia intrigante del pomodoro profumato al basilico può dare un grande senso di appagamento.

In piena suggestione da libro, con la sobria e misurata acquolina che presto ha lasciato posto alla bava, mi sono diretta in cucina e ho preparato questa pasta con quel poco che avevo in casa e il risultato è stato altamente soddisfacente. W la pasta!

Bucatini con pomodori secchi, cipollotto, erbe aromatiche e briciole di pane

500g di Bucatini 
una manciata di pomodorini ciliegia secchi
un cipollotto
uno spicchio d'aglio
olio evo
foglie di basilico e di menta
origano
40g di pane raffermo tagliato a dadini
sale

Mettere su l'acqua in una pentola per cuocere la pasta. Nel frattempo in una padella dove poi si "salterà" la pasta, scaldare qualche cucchiaio d'olio a cui aggiungere il pane. Una volta dorato mettere  in una ciotola assieme a qualche foglia di basilico, menta e un po' di origano.
Nella stessa padella lasciare cuocere con dell'altro olio,  i pomodorini fatti a pezzetti  fino a quando non siano quasi croccanti. Aggiungerli alla ciotola, assieme al pane dorato.
Sempre nella stessa padella, mettere il cipollotto affettato finemente, lasciare imbiondire e se occorre aggiungere un po' dell'acqua che, nel frattempo, si sarà messa a bollire e in cui poi buttare la pasta. 
Una volta cotta al dente, scolare e saltare la pasta con il cipollotto, aggiungere il misto della ciotola, completare con altre foglie di basilico, menta e dell'altro origano e servire.

Linkwithin

Si è verificato un errore nel gadget