sabato 7 aprile 2012

di cassatelle e pastieri...è Pasqua, Auguri!!






















Nello scrivere già il titolo mi accorgo che il nome delle 2 ricette che vado a postare possa indurre in errore. I cassateddi per quanto possano richiamare nel nome la più famosa e scenografica Cassata siciliana (che io non riesco nemmeno a guardare senza avere un senso di nausea...sì non amo le cose troppo dolci), hanno in comune solo l'uso della ricotta anche se in passato al suo posto si usava la tuma, molto più compatta. Si tratta di un involucro di pasta che racchiude un ripieno di ricotta leggermente zuccherata aromatizzata con la cannella e la scorza di limone (e ti pareva...).
I pastieri, richiamano anch'essi un altro dolce blasonatissimo della tradizione partenopea, la Pastiera ma sono lontanissimi come la terra dal sole. Si tratta di un involucro di pasta che accoglie un ripieno di carne di agnello, arricchita dall'aglio, dal formaggio e dal prezzemolo.
In tutti e due i casi si tratta di piatti prettamente pasquali, che non prevedono la chiusura dell'involucro ma che rimangono aperti in superficie: il ripieno occhieggia ammiccante dal suo scrigno friabile!
AUGURI!!!!
































Cassateddi (per 80 )
500 g di farina di semola
1 uovo
7.5g lievito di birra
acqua
sale
olio evo
mezzo cucchiaio di succo di limone (serve a dare elasticità alla pasta)

1Kg di ricotta di pecora o vaccina
scorza di un limone
cannella
zucchero secondo i gusti
un po' di latte per montare la ricotta
zucchero a velo

Fate la fontana con la farina, al centro rompete l'uovo, sbattetelo con un pizzico di sale. Sciogliete il lievito di birra in un po' di acqua tiepida e aggiungete al centro della fontana. Cominciate a intridere la farina aiutatevi, aggiungete il succo di limone. Con dell'altra acqua fate in modo che l'impasto abbia una consistenza soda. Fate una fossetta e aggiungete mezzo cucchiaio d'olio. Continuate a lavorare per una decina di minuti fino ad aver un impasto liscio. Mettete in una ciotola infarinata, copritela e lasciatela riposare per un'ora.
nel frattempo prendiamo la ricotta, la lavoriamo con un po' di latte aiutandoci con una frusta, aggiungiamo lo zucchero, la scorza del limone e la cannella, tutto secondo i vostri gusti.
Riprendete l'impasto, sgonfiatelo un po' e stendetelo e stendetelo a uno spessore tale da reggere il ripieno. Ritagliate la pasta in tanti cerchi da 8.5 cm dipende quanto abbiate voglia di farle piccole. A centro mettete la ricotta avendo cura di lasciare dello spazio intorno. La parte di pasta lasciata libera verrà tirata su e pizzicata.
Accendete il forno a 200°C. Disponete le cassatelle su una leccarda ricoperta di carta forno, abbassate a 180°C la temperatura e infornate. Consiglio di metterle nella parte bassa del forno.
Controllate la cottura, in base al carattere bizzoso di ogni forno possono starci anche 20 min
Lasciate raffreddare e cospargete di zucchero a velo e cannella.



Pastieri (per 20)
per la pasta utilizzate la stessa ricetta delle cassatelle qui sopra ma metà dose

1 kg di carne di agnello tritata (eventualmente si può sostituire metà con del vitello o del maiale)
uno spicchio d'aglio
4 cucchiai di formaggio
prezzemolo tritato
un uovo
pepe nero macinato al momento
buccia di limone (facoltativo)
sale

Una volta messa a riposo la pasta preparate la farcia, come se preparaste delle polpette.
Stendete la pasta a uno spessore tale da tenere il peso del ripieno.
Ritagliate tanti cerchi di 12.5 di diametro. Al centro collocate del ripieno mantenendo molta pasta in torno, in questo caso la pasta verrà tirata su verso il centro, lasciando però parte del ripieno a vista, come se si trattasse di un cratere.
Accendete il forno a 200°C. Disponete i pastieri su una leccarda ricoperta di carta forno, abbassate a 180°C la temperatura e infornate. Consiglio di metterli nella parte bassa del forno.




21 commenti:

  1. Non amo neppure io la cassata siciliana, perchè troppo dolce, ma le tue cassatine di ricotta sono davvero appetibili, dovrò cimentarmi anche per pastieri di agnello. Le foto che riprendono anche i particolari aiutono una dilettante come me. Colgo l'occasione per augurarti una pasqua di pace e serenità a te e ai tuoi cari. A presto
    Ilde
    7/04/2012

    RispondiElimina
  2. Deliziose...Buona Pasqua anche a te!!!

    RispondiElimina
  3. sono una meraviglia!!
    baci e auguri

    togli le paroline di verifica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @memole scusa il ritardo...auguri anche a te! Grazie!
      @ 5mondi grazie e ricambio gli auguri...ma cosa vuoi dire con "togli le paroline di verifica"? Baci

      Elimina
  4. Risposte
    1. @Mirty Quibibes grazie...provale! auguri anche a te!!

      Elimina
  5. non conoscevo nessuna delle due preparazioni ma le vedo molto interessanti in particolare i primi i cassateddi

    RispondiElimina
  6. io vado per il rustico e questi pastieri li trovo davvero golosi!! te li copio al volo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Gunther sono davvero squisite, provale! auguri!
      @Gio anch'io, come te, amo i rustici e in questo caso è molto pi probabile che facio il bis, tris etc di pastieri che di cassatelle, ma devo dire che quest'ultime sono da provare..Auguri

      Elimina
  7. caspita che buono che devono essere... mi piacerebbe proprio assaggiarli!che bella la cucina regionale!a presto Laura :-D

    RispondiElimina
  8. Sono entrambe bellissime ricette! Davvero splendide! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @il gambero russo vieni tu o vengo io e li prepariamo insieme? :)

      @marifra79 Grazie! Ricambio affettuosamente! baci!

      Elimina
  9. Bellissime ricette, grazie di tutte queste interessanti informazioni!!!

    RispondiElimina
  10. Mizzica buonissimi, prima quelli con l'agnello e poi il dolce delle cassatelle...idea ottima (specialmente i pastieri li proverò) ciao...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Laura Grazie a te di essere passata da qui!!! un caro saluto!

      @Franco Costanza nonostante tu sia conterraneo non li conoscevi? Quando li proverai fammi sapere...saluti!

      Elimina
  11. complimenti, I pastieri mi ricordo uno stuzzichino indiano con carne di agnello spezie e zucchero

    RispondiElimina
  12. Ma sono bellissimi, non li avevo mai visti prima... mi gusterei entrambi salati e dolci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Carmine Volpe questo stuzzichino indiano mi ricorda una cosa simile che mangiai a Pézenas, un paesino del sud della Francia,che non l'abbia portato dall'India qualche francese con qualche nostalgia di gusti speziati e insoliti?

      @Vale Provali!!! Un caro saluto! E.

      Elimina
  13. Leggo in ritardo, ma sbavo lo stesso! Che bontà!!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. accetto il ritardo a una condizione, che li proverai!!!
      un bacio

      Elimina
  14. ma son meraviglioso questi fagottini, io poi adoro i ripieni con la ricotta.. ma mangiarne fino a star male!!!

    RispondiElimina

Linkwithin

Si è verificato un errore nel gadget