lunedì 23 giugno 2014

estate, nastri d'argento e secchi blu…spatola panata al profumo di erbette e limone


Mi ricordo, quando ero bambina e si andava dal pescivendolo, grandi secchi di colore blu chiaro, pieni di pesci lunghi e sottili, di color argento intenso. Nella mia fantasia assai fervida, i pesci perdevano il loro status ittico e diventavano nastri lunghi e brillanti, arrivati lì da chissà quale mondo, da chissà quale castello, in cui una principessa sbadata li aveva fatti volare via. Caduti in mare, venivano pescati e raccolti in quei secchi blu che, posti ai piedi del bancone, si offrivano ai miei occhi, incantati da un contenuto così vivido e brillante.
Oggi, ormai adulta, quei "nastri" amo cucinarli e, se vado in pescheria, li chiamo con il loro nome: "Spatola" o "pesce Sciabola". Si tratta di pesce assai comune, ricco di sapore seppur delicato. Cucinato in umido mantiene tutto il suo gusto di mare; cucinato con una leggera panatura e passato in forno, risulta assai sfizioso. Io ve lo propongo con una panatura profumata alle erbette, resa croccante da qualche mandorla e con il tocco brioso del limone.

Filetti di Spatola panati

1Kg di Spatola
150g di pane raffermo
una manciata di mandorle
misto erbette (maggiorana, timo, origano, menta)
scorza e succo di mezzo limone
olio evo

In un mixer mettete il pane raffermo, la manciata di mandorle e date un po' di giri in modo da ottenere un insieme ancora granuloso. Aggiungete il misto di erbette (timo, maggiorana, origano e menta), accennate un giro di lame e subito aggiungete la scorza e il succo del mezzo limone. Completate con un giro d'olio extravergine d'oliva. Il tutto non dovrà risultare "bagnato" ma umido. Dalla Spatola ricavate dei filetti (operazione che potrete chiedere al vostro pescivendolo), ungeteli leggermente e passateli nella panatura aromatica. Disponete i filetti in una teglia e infornate a 170 °C per 15-20 minuti.
Servite con uno Chardonnay siciliano, seduti davanti al mare.

Nessun commento:

Posta un commento

Linkwithin

Si è verificato un errore nel gadget